Quando gimme al mare
E anche se de bona lena emme da studia'... »
Peppe e Tonino
M’arconte de la gita ch’è fatto a Gabicce?... »
L'ardunata dei compagni de classe
e a voja a dì che ‘n sen cambiati... »
La torta col pregiutto
ma ho buttato tutto suppe la spianatoia... »
Volevo 'na sorellina
tignosa tosta e roscia come ‘na cerasa... »

Poesia in dialetto
L’ARDUNATA DEI COMPAGNI DE CLASSE
 

Daje daje ce sen riusciti
a artrovacce tu qui riuniti
ma mica se sa quant’emo penato
io e quel’altro disgraziato!

Cialtrovamo ‘n’to sto tavolo ‘ntorno
che me pare de vedè ‘n film: “La mummia 2 il ritorno”
e a voja a dì che ‘n sen cambiati
e mica ce sen tutti acecati!

Certo che vent’anni fa
era ‘n altro organizzà
mica facemme tante tazzine
p’ardunacce a magnà quattro patatine!

Adè c’è la moje che rimbotta
e ‘l marito che borbotta
la fiola col mal de gola
e ‘l fiolo che cia’ la recita a scola!

E a pensà ch’emo lasciato i maschietti
con suppe le guance du’ peletti
eron fregotti o poco più
e mica c’è tanto da ridece su!

E a armiralli adè manco pare vero
oh: sarà ‘n mistero
ma da quanto ometti en diventati
anche i baffi j’enno spuntati!

E noi freghe ‘n po' cojonotte
ce potemme studià anche tutta la notte
ma i compagni ‘n ciapprezzavono
e ‘n c’era verso che ce miravono!

Ma i tempi son cambiati
e ta sti ex stravaccati
a la faccia dei valori
ce presentamo co l’ombelico de fori!

E pu’ a la fine che ce frega
se c’emo ‘l colpo de la strega
de la ruga ch’è arrivata
e de la trippa che nn’ è più artirata?

De la sciatica che dole
del mal d’ossi che ciassale
dei capelli mezzi bianchi
e se a le otto semo stanchi?

Dico nn’ aspettamo altri vent’anni
p’artrovacce ‘n giro a fa ‘n po' de danni
anche perché saria ‘n supplizio
organizzà ‘na cena dentro a ‘n ospizio!

E allora democe tutti da fa
se al San Martino ‘n ce volemo ardunà
prima che perdemo anche la memoria
artrovamoce presto per fà ‘n altra baldoria!

 

 

LA RADUNATA DEI COMPAGNI DI CLASSE
 

Dai dai ci siamo riusciti
a trovarci qui riuniti
ma mica si sa quanto abbiamo faticato
io e quell’altro disgraziato!

Ci troviamo in questo tavolo attorno
che mi sembra di vedere un film “La mummia 2 il ritorno”
e a voglia a dire che non siamo cambiati
mica ci siamo tutti accecati!

Certo che venti anni fa
era un altro organizzare
mica facevamo tante storie
per radunarci a mangiare quattro patatine!

Adesso c’e’ la moglie che sborbotta
il marito che borbotta
la figliola con il mal di gola
e il figliolo che ha la recita a scuola!

A pensare che abbiamo lasciato i maschietti
con nelle guance due peletti
erano ragazzetti o poco piu’
e mica c’e’ tanto da riderci su!

E a riguardarli adesso nemmeno sembra vero
oh: sara’ un mistero
ma da quanto ometti sono diventati
anche i baffi gli sono spuntati!

E noi ragazzette un po’ tontolotte
ci potevamo studiare anche tutta la notte
ma i compagni non ci apprezzavano
e non c’era verso che ci guardavano!

Ma i tempi sono cambiati
e a questi ex rilassati
alla faccia dei valori
ci presentiamo con l’ombelico di fuori!

E poi alla fine che ci importa
se abbiamo il colpo della strega
della ruga che e’ arrivata
e della pancia che non e’ piu’ ritirata?

Della sciatica che duole
del mal d’ossi che ci assale
dei capelli mezzi bianchi
e se alle otto siamo stanchi?

Dico non aspettiamo altri venti anni
per ritrovarci in giro a fare un po’ di danni
anche perche’ sarebbe un supplizio
organizzare una cena dentro un ospizio!

E allora diamoci tutti da fare
se al San Martino non ci vogliamo radunare
prima che perdiamo anche la memoria
ritroviamoci presto per fare un’altra baldoria!

 

 

Menù
Home Page BiografiaPoesie in linguaPoesie in dialettoL'asciugamano nello zainoPremi e Riconoscimenti Recital TeatraleGalleryEventi Chioccy ScrivimiPrivacy
Contattami su Facebook I Chioccy su Facebook
 
Cinzia Corneli© 2006 - 2017 
|Biografia Poesie in lingua Poesie in dialetto Romanzi Premi e Riconoscimenti Recital Teatrale Gallery Eventi Chioccy Contatti Privacy