Quando gimme al mare
E anche se de bona lena emme da studia'... »
Peppe e Tonino
M’arconte de la gita ch’è fatto a Gabicce?... »
L'ardunata dei compagni de classe
e a voja a dì che ‘n sen cambiati... »
La torta col pregiutto
ma ho buttato tutto suppe la spianatoia... »
Volevo 'na sorellina
tignosa tosta e roscia come ‘na cerasa... »

Poesia in dialetto
VOLEVO ‘NA SORELLINA
 

Spesso me domando “E ‘l se’ tu?”
che me girava pe’ la testa quila mattina
che a du’ anni e poco più
me so’ missa a ‘mplorà “Vojo ‘na sorellina!”

Dev’esse che ‘l sole m’éva dato ‘n ta la testa
e tai mie ‘nn’j’ho dato più ‘n minuto de pace
fintanto che l’ho ‘uta vinta co’ l’approssimasse de ‘na festa
e ‘jò fatte cadé da la padella ‘n ta la brace

Poretta’mé, m’è preso ‘n colpo appena l’ho vista
grassa grassa che piagneva co’ la bocca tutta spalancata
e me so’ ditta “Speramo che ‘nnè quista
magari l’infermiera s’è sbajata!”

E ‘nvece proprio quilla m’honn’ fatto arportà a casa
niente a che vedé co’n gettlino de linòro
tignosa tosta e roscia come ‘na cerasa
me consolavo co’ la Paolotta e ‘l su’ disco “W la pappa col pomodoro”

Che pu’ doppo ‘n po’ me l’ha scocciata
ma col fatto che lìa era la più cinina
a pijà i moschi zitta e bona m’ero abituata
e a dàjela vinta da la sera a’la mattina

Però n’n’ho perso mai la speranza ‘n ta la vita
e a la fine émo studiato anche ‘n to lo stesso libro de diritto
ade’ m’altrovo co ‘na sorellina bella delicata e smilzita
ma… c’è sempre ‘n ma.. me fa ancora rigà dritto!


 

 

Menù
Home Page BiografiaPoesie in linguaPoesie in dialettoL'asciugamano nello zainoPremi e Riconoscimenti Recital TeatraleGalleryEventi Chioccy ScrivimiPrivacy
Contattami su Facebook I Chioccy su Facebook
 
Cinzia Corneli© 2006 - 2017 
|Biografia Poesie in lingua Poesie in dialetto Romanzi Premi e Riconoscimenti Recital Teatrale Gallery Eventi Chioccy Contatti Privacy